UX & Coding

Come scegliere un tema Professionale WordPress

"Guida alla scelta di un tema WordPress professionale: come analizzare prima dell'acquisto tutti i requisiti e le possibilità di personalizzazione"

Una delle caratteristiche più importanti di WordPress riguarda sicuramente l’utilizzo di temi che permettono progettare siti con estrema facilità e ottimi risultati estetici.

Ci sono migliaia di temi gratuiti che vanno benissimo per siti amatoriali ma spesso per raggiungere un livello di design e di personalizzazione adeguato è decisamente meglio dare uno sguardo a quelli a pagamento che offrono nella maggior parte dei casi vantaggi enormi.

Il prezzo di questi temi parte da qualche decina di euro e permette di abbattere drasticamente le ore di lavoro, in termini di sviluppo, che si avrebbero partendo da zero.

Dato che il vero valore di un sito è il contenuto e non il contenitore, trovo molto più corretto concentrarsi sulla cura delle pagine delegando la parte estetica ai template.

Parametri di valutazione di un tema

Personalmente uso da anni il network ThemeForest per l’acquisto di temi professionali WordPress e lo reputo, per chi sa scegliere, uno dei migliori canali di distribuzione.

Ci sono alcune regole di base che aiutano a prevenire acquisti errati o template con una gestione delle impostazioni non esattamente in linea con quanto ci si aspetta.

Autore e volumi di vendita

Esistono svariati team di sviluppo e autori singoli che producono temi ed alcuni di loro sono molto conosciuti e hanno migliaia di vendite alle spalle. Tre sono i parametri principali su cui basare la propria valutazione:

  • popolarità e rating dell’autore
  • numero di vendite per prodotto
  • rapporto vendite e numero prodotti

Comprando temi da autori che hanno voti molto alti (rating) e un numero di vendite elevato (dalle centinaia alle migliaia) si hanno molte più possibilità di garantirsi un template di qualità e un migliore supporto: chi fa tante vendite è molto più incentivato a soddisfare i propri clienti e tenderà a migliorare nel tempo i temi rilasciati o cercherà di ridurre al minimo i tempi di risposta.

Un aspetto importante è anche il numero di vendite rispetto ai temi realizzati: non bisogna farsi abbagliare da autori con decine di temi ma poche vendite per ognuno che potrebbero nascondere brutte sorprese; al contrario c’è una maggiore probabilità di acquistare un lavoro professionale se chi lo ha prodotto dedica tempo a pochi template ma di alta qualità.

Migliori autori ThemeForest
Lista To Authors di ThemeForest

Ad esempio tra i Top Authors (stiamo parlando di volumi di vendita superiori ai 360.000) ci sono ThemeFusion o THEMECO che si concentrano nello sviluppo e la vendita di un singolo prodotto.

Data di rilascio e supporto

La data di creazione di un tema è legata anche alle tecnologie disponibili in quel determinato periodo: sviluppare un template con framework o linguaggi più moderni garantisce sicuramente una compatibilità migliore e allineata agli strumenti attualmente disponibili.

Oltre a questo è fondamentale che il tema sia seguito e aggiornato costantemente, segnale che evidenzia un supporto attento alla risoluzione dei problemi o nel rilascio di nuove funzionalità.

Supporto online tema WordPress
Sito di supporto di ThemeGoods

Fatte queste premesse dovrebbe valere la regola generale che più il tema WordPress è “giovane” e più i rilasci sono frequenti e recenti meglio è.

In generale sì, ma ci sono autori che lavorano con altissima qualità sul mantenimento dei progetti e anche se sono datati continuano a impegnarsi pubblicando aggiornamenti.

Molto spesso i team di sviluppo hanno forum o siti di supporto dedicati dove è possibile farsi rapidamente un’idea di come vengono gestiti i progetti e le problematiche (changelog, forum di assistenza, roadmap, sistemi di ticketing, ecc…) e dove reperire una ricchissima documentazione.

Compatibilità Plugin

Questo aspetto è molto importante per tutti quei siti che necessitano di caratteristiche o requisiti specifici come ad esempio il supporto al multilingua: non tutti i temi sono infatti completamente compatibili con strumenti come l’ottimo WMPL o non si integrano con plugin per utilizzare WordPress come e-commerce o social network.

Da valutare con attenzione è anche la compatibilità con Visual Composer che divide in due le tipologie di temi: quelli che basano completamento la struttura su questo plugin e quelli che semplicemente non lo utilizzano.

Il Visual Composer è un argomento di dibattito molto presente tra chi utilizza WordPress e ci sono sostanzialmente due scuole di pensiero: chi lo condanna in quanto appesantisce il tema e complica le fasi di aggiornamento e chi (come me) lo apprezza perché ha il grande vantaggio di fornire un’interfaccia di costruzione dei template veramente semplice che può essere anche insegnata a clienti meno esperti.

Personalmente ho costruito decine di siti con questo plugin e sono convinto che si possa arrivare a risultati eccellenti in termini di gestione degli update e dell’ottimizzazione della velocità che lasciano solo spazio ai veri benefici.

Tecnologia

Tipicamente i temi WordPress sono per la stragrande maggioranza basati su framework di sviluppo più o meno noti come Bootstrap o Foundation: acquistarne uno con un framework familiare significa garantirsi una riduzione delle problematiche cross-bowser e avere maggiore confidenza fin da subito nella gestione del codice, delle griglie o degli stili.

Si trovano facilmente moltissimi Temi Bootstrap, mentre i Temi Foundation sono più limitati.

Non è da sottovalutare anche la possibile compatibilità con PHP7 (che va verificata anche con i plugin utilizzati anche se ormai i più diffusi lo sono) in quanto questa caratteristica aumenta sensibilmente la velocità di generazione della pagina e le prestazioni di WordPress.

Richieste per secondo PHP7
Con PHP7, WordPress può raddoppiare la velocità di esecuzione

Si parla mediamente di un raddoppio o più delle performance generali ed effettivamente i temi che sfruttano PHP7 sono visibilmente più veloci.

Risorse incluse

Chi sviluppa il tema sceglie anche cosa l’acquirente avrà a disposizione in termini di file e risorse: molti template, ad esempio, non integrano più come succedeva spesso in precedenza i sorgenti PSD, Illustrator o Sketch.

Risorse incluse nel tema

Averli a disposizione permette di avere maggiore flessibilità nel ridisegnare elementi o nell’adattare i template in fase di presentazione grafica al cliente con colori e stili diversi.

Non è detto che questo serva sempre, ma controllare la presenza permette di fare una valutazione più attenta dell’acquisto.

Test drive

La qualità di gestione di un tema WordPress si scopre in buona parte quando si cominciano a metter le mani sull’area di amministrazione del CMS: in alcuni casi, pochi purtroppo, vengono messe a disposizione delle demo temporanee.

Demo tema WordPress
Il tema Impreza metta a disposizione una demo a tempo

In questo modo è possibile creare in un click una versione funzionante del tema su un’istanza WordPress di test che avrà la durata di qualche ora o di qualche giorno. Un esempio è l’ottimo template Impreza che mette a disposizione una demo utilizzabile prima di un eventuale acquisto.

Andare sul sicuro

Tutte queste regole limitano al minimo le brutte sorprese ma visto che nascono decine di temi professionali nuovi ogni giorno bisogna fare esperienza e avere un pò di fortuna.

Questi sono alcuni temi che ho utilizzato negli anni e di cui mi ritengono molto soddisfatto per il tipo di costruzione dei template e per la facilità di personalizzazione:

Aggiungi un commento

UX & Coding

Articoli recenti

Newsletter

Inserisci la tua email per restare aggiornato sulle ultime novità.